Giusto o no?

Il coraggio diparlare

Trovo quest’immagine semplicemente stupenda. Sarebbe bello poterla mettere in pratica ma purtroppo non è cosi semplice, almeno per quanto mi riguarda. E’ già difficile esprimere le cose belle, figuriamoci le cose brutte! Vorrei sapere perché sono sempre cosi avara di complimenti e di dimostrazione di affetto verso le persone che mi sono più care mentre ho meno difficoltà nei confronti di semplici conoscenti. Non credo che sia una cosa normale. Come si fa a superare certi blocchi? Qualcuno ha una ricetta?
I motivi per cui invece mi tengo per me le cose negative mi sono un pochino più chiari: paura di espormi, paura delle conseguenze che potrebbero avere le mie parole, pigrizia,  menefreghismo. Certo, non sta venendo fuori un ritratto molto positivo di come sono fatta, ma sono abbastanza autocritica e riconosco i miei difetti. Ho anche alcune qualità, però… per esempio mi tengo spesso per me ciò che penso per evitare di ferire il mio interlocutore o per non scatenare inutili polemiche e questo vuol dire che posso provare empatia e che la mia coscienza funziona. Come sempre la verità sta nel mezzo. Quindi cambierei lo slogan in "Sappiate sempre quando è giusto dire ciò che pensate"



Je trouve que cette image est tout simplement superbe. Ce serait bien de pouvoir la mettre en pratique mais malheuresement, ce n’est pas si simple, mais je parle pour moi. C’est déjà difficile d’exprimer les opinions positives, ne parlons pas des négatives. J’aimerais savoir pourquoi je suis toujours tellement avare de compliments e de tendresses envers les personnes auxquelles je tiens, alors que je trouve moins de difficultés à le faire pour les autres. Je ne pense pas que ce soit normal. Comment faire pour faire sauter certains blocages? Y a t-il une recette miracle?
Les raisons pour lesquelles je garde pour moi mes pensées négatives sont un peu plus claires: Peur de m’exposer, peur des conséquences que pourraient provoquer mes paroles, indolence, désinterêt. Quel bel autoportrait suis-je train de peindre! Mais je suis dotée d’une certaine autocritique et je sais reconnaître mes défauts. Mais j’ai tout de même quelques qualités… par exemple il m’arrive souvent de me taire, pour éviter de blesser mon interlocuteur ou pour ne pas déclencher d’inutiles polémiques, ce qui veut dire que je suis capable d’éprouver de l’empathie et que ma conscience fonctionne correctement. Comme toujours il faut trouver le juste milieu, c’est pourquoi je propose de modifier ce slogan en "Sachez toujours quand il faut dire ce que vous pensez"
 
Annunci

9 thoughts on “Giusto o no?

  1. meglio mettere in prima linea i difetti che i pregi: almeno sai subito cosa c’è che non va in ciò che compri. 😉 fino ad adesso ho letto solo parole di una bella persona sincera con se stessa e con gli altri :*

  2. Molto vero… (e ne sono ammalato pure io).
    Mai trovato la ricetta giusta; ho sempre fondato qualsiasi rapporto sulla verità , quando non riuscivo lo interrompevo. Il problema di dire o non dire perciò è per me decisivo.
    Verso le persone più care c’è la pretesa di essere compresi o di entrare in sintonia più facilmente, per cui si è parchi di manifestazioni (anche negative). Ma se censuriamo, pian piano ci accorgiamo di conoscere sempre meno quelle persone (è bello anche arrabbiarsi / sbagliare e poi riprendere / chiedere scusa).
    Certo che il dire costa fatica e fa un bello “slargo” attorno, io lo faccio solo con chi ci tengo… :o)

  3. Ma ciao Cris! Che bello trovare un tuo commento e quindi il tuo blog! 😀
    Io dico rarissimamente (a voce) quello che penso, ma è un mio limite che combatto strenuamente. Qualcuno che stimo molto mi ha insegnato che “la comunicazione è la regina delle nostre vite nonché la cosa più importante, permette di guadagnare momenti sinceri, spontanei e non assolutamente controllati”. E, in riferimento al tuo ultimo post, si tratta di una persona conosciuta su un newsgroup 😉

    Giuly

  4. Vuoi il mio parere? Fai bene come fai. La sincerità  è una gran cosa che però va dispensata con equilibrio.
    Abusarne è pericoloso.
    Ma il concetto è un po’ complesso per svilupparlo in un commento. Se non ti spiace prenderò spunto da questo post per farne uno a mia volta. Grazie per la riflessione.

  5. @ fully e Cris

    mi rifaccio al comemnto di Fully: la sincerità e l’onestà sono bellissime ma bisogna sapere che non sempre lo si può essere: talvolta la verità  può fare un male maggiore di quello che una piccola bugia farebbe. E in alcuni di questi casi bisogna valutare bene se bisogna veramente fare del male.

  6. Saper dire alla gente ciò che di buono pensiamo di loro è una delle cose più importanti che ho imparato dalla vita: mai dare per scontato e mai averne paura o esserne intimiditi, non ce n’è motivo.
    Diverso è il discorso delle negative: a volte è giusto tacere per non far soffrire chi abbiamo davanti, altre per evitare di mettere in imbarazzo chi non c’entra o perché non è il momento giusto… ma quando arriva questo momento allora che goduria è spiattellare in faccia tutto il negativo a chi se lo merita! Sono soddisfazioni anche queste 😉

  7. cercavo foto di cani di razza alano e sono capitata x sbaglio nel tuo blog, ho letto il tuo intervento riferito all’immagine…e mi ha fatto venire in mente una canzone, ti do’ il titolo e l’artista xk descrive proprio le cose di cui hai parlato tu, e quindi ti consiglio veramente di ascoltarla anke xk è molto bella…il titolo è: “parole da dedicarmi” e l’artista:Nesli….spero ke l’ascoleterai!!!…peace…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...