Ultime volontà 

R.I.P.
L‘argomento di questo post non è dei più allegri, me ne rendo conto ma ieri ero di funerale e la giornata mi ha portato a fare molte riflessioni, alcune serie altre un pochino più leggere. Ho da sempre una predilezione per l‘umorismo nero, trovo che scherzare sulla morte sia un modo di esorcizzare le proprie paure. Tengo quindi a precisare che non è mia intenzione urtare la sensibilità dei miei lettori.

Cominciamo dalle cose serie:
Prima di tutto, sono sempre più convinta che l’eutanasia sia cosa buona e giusta: Trovo disumano che una persona debba continuare a soffrire inutilmente per anni. Quando non c’è più niente da fare, e il corpo si è consumato quasi del tutto ritengo che dire basta quando si pensa di essere arrivati al limite sia un diritto umano insindacabile. La pratica dell’eutanasia è un atto di rispetto della dignità della vita dell’individuo, di pietà davanti alla sofferenza insopportabile che viene concesso adesso solo ai nostri animali domestici. Sono cosciente che un animale e un essere umano sono due cose diverse, ma cosa bisogna fare? Prenotare l’ultimo viaggio in Olanda?

Le sacre scritture dicevano mi pare,  Polvere alla polvere, cenere alla cenere”. Ma com’è possibile se la bara viene sigillata con una saldatura? Com’è possibile se le bare vengono murate nei luculi di cemento? Come mai c’è ancora cosi poca accettazione riguardo alla cremazione? Mi ricordo una pubblicità progresso della SOCREM, una società di cremazione come soluzione civile ed ecologica al problema della necessità di ingrandire i cimiteri. Lo slogan a mio parere molto azzeccato dice “In nome della vita, lasciamo la terra ai vivi”.  La cremazione è entrata ufficialmente nel nostro ordinamento con la legge sanitaria del 1888 dopo che la Chiesa ha smesso di censurarla nel 1963. La cremazione è oggi soprattutto una forma di civiltà, una scelta di progresso e di libertà personale.

Come dicevo all’inizio, la giornata di ieri mi ha fatto riflettere molto, ho assistito a cose che mi hanno commossa, a comportamenti che hanno urtato la mia sensibilità, e anche a cose divertenti. Ho voluto riassumere il tutto stilando una specie di “Ultime Volontà” che verrà idealmente affisso all’ingresso della mia camera mortuaria.
Vi prego di prenderle con leggerezza:

  • Vietato fare fotografie della defunta col cellulare al fine di far vedere ai parenti che non sono potuti venire che “sembrava una bambolina“.
  • Vietato vociare come se si fosse al mercato, davanti alle spoglie della defunta.
  • Vietato far notare che sarebbe ora di “chiudere” la defunta perché comincia a mandare cattivi odori
  • Vietato toccare le mani della defunta per constatare quant’era dimagrita.
  • Vietato coprire il corpo della defunta con quel velo che mi ricorda tanto la tendina copri vivanda anti insetti della DMail.
  • Se proprio non si può evitare la zanzariera, almeno toglierla prima della saldatura della bara, quelle scintille non mi sono piaciute per niente.
  • Ma tanto, in caso di cremazione la zincatura non dovrebbe essere necessaria, quindi mi dovrei salvare.
  • Non capisco perchè si debba sborsare cifre folli per una bara che nessuno vedrà più, il cui unico destino è la decomposizione: La posso prendere all’IKEA e montarmela da sola con 4 tavole semplici di legno grezzo? Cosi me la faccio su misura, sapete, io sono alta 1,78m, non vorrei ritrovarmi con i piedi rattrippiti.
  • Non voglio fiori: perchè devo fare morire anche loro, non hanno fatto niente di male.
  • Vorrei che durante la messa la signora della terza fila cantasse la stessa strofa della suora al microfono sull’altare, onde evitare sgradevoli brusii incomprensibili.
  • Amo il caldo, è cosa nota a tutti, e voglio essere cremata, sarà la mia ultima abbronzatura.
  • Se per qualsiasi motivo, come lo sciopero dell’azienda del gas che alimenta l’impianto, non potessi essere cremata voglio stare in un loculo, non voglio andare sotto terra. Non mi piace il pian terreno, non voglio dover vedere solo le scarpe dei miei visitatori. Non voglio neanche stare al quarto piano ed obbligare chi dovesse dare una pulita alla mia lapide a pericolose acrobazie sulla scala a pioli.
  • Mi sembra che il secondo piano sia perfetto, stessa altezza del forno della mia cucina componibile, comodissima. Non credo che avrò problemi con i vicini, è tutta gente tranquilla e silenziosa.
  • Gradirei inoltre che alla fine della mia tumulazione gli intervenuti al funerale non si dilaguassero per il cimitero in cerca della tomba di Désirée, una povera ragazza morta ammazzata. E’ il mio funerale, che diamine, non è una gita turistica!
  • ah…dimenticavo: Io voglio andare sul Ponte dell’Arcobaleno!

L e sujet de cet article n’est pas des plus gais, je m’en rends parfaitement compte, mais hier j’ai participé à un enterrement et  j’ai eu toute la journée pour réfléchir à un tas de choses sérieuses et à d’autres un peu plus légères.
J’ai toujours adoré l’humour noir, je trouve que rire de la mort permet d’exorciser la peur. Je tiens cependant à préciser que je n’ai aucune intention de heurter la sensibilité de mes lecteurs.

Commençons par les choses sérieuses:
Je suis de plus en plus convaincue que l‘euthanasie est une bonne chose: Je trouve inhumain d’obliger quelqu’un à souffrir inutilement pendant des années. Quand il n’y a plus rien à faire et le corps est presque totalement consumé, je crois que pouvoir dire stop quand on est au bout du rouleau devrait être un droit individuel incontestable. La pratique de l’euthanasie est un acte de respect envers la dignité de la vie, de pitié face à la souffrance insupportable qui n’est concédée encore aujourd’hui qu’à nos animaux domestiques. Je suis consciente du fait que les animaux et les êtres humains sont deux choses différentes, mais que faut il faire? Programmer notre ultime voyage aux Pays Bas?

Les Écritures disaient, me semble-t-il, “Tu es poussière, et tu retourneras à la poussière”. Mais comment est-ce possible si on soude le cercueil? Comment est-ce possible si on mure les cercueils dans des casiers en ciment? Comment se fait-il que la crémation soit encore si peu acceptée? Je me souviens du slogan de la SOCREM, une société de services funéraires, qui mettait l’accent sur la crémation comme solution civile et écologique du problème de la nécéssité d’expansion des cimetières. Il allait droit au but: “Au nom de la vie, laissons la terre aux vivants”.  La crémation est entrée officiellement dans la règlementation italienne grâce à la loi sanitaire datant de 1988, bien après que l’Église n’ait cessé de la censurer en1963. La crémation est une forme de civisme, un choix de progrès et une liberté personnelle, surtout aujourd’hui.

Comme je le disais au début, la journée d’hier m’a beaucoup fait réfléchir, j’ai assisté à des scènes émouvantes, à des comportements qui m’ont choquée mais aussi à des situations amusantes. J’ai voulu résumer tout cela par le biais d’une sorte de liste de “Dernières Volontés” qui sera affichée à l’entrée de ma chambre mortuaire.
Vous êtes invités à ne pas prendre cela trop sérieusement:

  • Interdit de fotographier la defunte avec le téléphone portable pour montrer aux membres de la famille qui ne pouvaient pas être présents qu“on aurait dit une poupée”
  • Interdit de gueuler comme si on était au marché, devant la dépouille de la défunte
  • Interdit de faire remarquer qu’il serait temps de “fermer le cercueil parce que la défunte commence à sentir mauvais”.
  • Interdit de toucher les mains de la défunte pour constater combien elle avait maigri dans les derniers temps.
  • Interdit de couvrir le corps de la défunte avec ce voile qui me rappelle tellement une moustiquaire de table de la Vitrine Magique.
  • Si on ne peut pas éviter la moustiquaire, qu’on l’enlève au moins avant de faire la soudure du cercueil, j’ai pas trop aimé toutes ces scintilles.
  • De toute façon, la soudure ne devrait pas être obligatoire en cas de crémation, je devrais donc être tranquille.
  • Je n’arrive pas à comprendre pourquoi on doit absolument dépenser une fortune pour un cercueil que personne n’aura plus l’occasion de voir, et qui n’est destiné qu’à la décomposition: Je peux l’acheter chez IKEA et me la monter moi même avec 4 planches de bois toutes simples? Comme ça je me la fais sur mesure, vous comprenez, je mesure 1,78 m et je ne voudrais pas avoir les orteils recroquevillés.
  • Je ne veux pas de fleurs: Pourquoi doivent elles mourir avec moi, elles ne m’ont rien fait de mal.
  • J’aimerais bien que pendant la messe, la dame du troisième rang chante la même strophe que la sœur au micro sur l’autel, de façon à éviter ce charabias incompréhensible et désagréable.
  • J’aime la chaleur, c’est bien connu, et je veux être incinérée, ce sera ma dernière séance de bronzage.
  • Si pour n’importe quelle raison (grêve chez GDF qui fournit le gaz au crématorium) l’incinération ne pouvait avoir lieu, je veux qu’on me mette dans un casier, je ne veux pas être enterrée. Le rez de chaussée ne me plait pas, je n’ai aucune envie de ne voir que les chaussures de mes visiteurs. Je ne veux pas du quatrième étage non plus, et obliger qui voudrait nettoyer ma pierre tombale à faire des acrobaties en haut de l’échelle.
  • Je dis que le deuxième étage est parfait, c’est à la même hauteur que mon four de cuisine, très pratique.
  • J’apprécierais également qu’à la fin de l’enterrement, tous les participants ne se dispèrsent pas aux quatre coins du cimetière pour chercher la tombe de Désirée, la victime d’un cruel assassinat. C’est mon enterrement, merde alors, et pas une ballade touristique!
  • Ah…..j’oubliais…je veux aller sur le Pont de l’Arc en Ciel!

16 thoughts on “Ultime volontà 

  1. Ciao, ho già  visto che fai parte di IDAG ma non sono sicura di chi sei… io sono silviac-mo ho visto il tuo blog tra quelli aggiornati di recente… e solo poi ho capito che conosci IDAG ^_^ per quanto riguard ail tuo ultimo messaggio… anche se l’humor nero non è il mio forte… ci sono situazioni descritte che mi fanno sorridere… Beh ora ti saluto notte

  2. Io ho già lasciato detto che non voglio bare di lusso, bastano 4 tavolacci presi al brico e una ventina di chiodi.
    Niente drappi, sfarzi e nemmeno il vestito bello nella bara perché è uno sciupìo di soldi e di materiale senza senso. Niente fiori, niente lapidi, niente di niente.
    So che è possibile fare un funerale completo con meno di 150 euro, me lo ha detto una tipa delle pompe funebri. Allora non capisco perché c’è gente che spende capitali e nemmeno capisco quelle offerte delle agenzie che recitano “Funerale classico a soli 1200 euro”.
    Ho già  lasciato detto che l’unico cosa che eventualmente vorrei scritta sulla lapide è la mia signature di usenet.
    E ho anche lasciato detto che se dopo la mia morte spenderanno di più di 150 euro e non avranno seguito alla lettera ogni mia istruzione saranno perseguitati a vita dal mio spirito che gli porterà  solo disgrazie😉

  3. Bellissimo!!!
    In effetti il funerale è diventato un business. Ormai anche il cadavere deve avere la bara in legno pregiato…
    “se no che figura facciamo?”

    Bah

    Un saluto!

  4. grandioso! mi sono ribaltata dalle risate a leggere il tuo testamento drammaticamente reale. Spero solo che più in là la legge cambi, la cremazione non debba essere per forza un diritto che ti paghi di anno in anno, che esistano cimiteri atei e che le ceneri possano venire sparse al vento cosa che io gradirei moltissimo.

  5. @Ancathdubh: Già, devo pensare all’epitaffio. La maledizione non è male!
    @itan: E’ vero, lo fanno più per gli altri che per se stessi.
    @Laura: Guarda che la cosa peggiore è stato L’MMS mandato al fidanzato della nipote, (lei non aveva un cell adatto) il quale si impressiona facilmente😦 Anch’io vorrei essere sparsa in mare. A San Vincenzo c’è una spiaggia dove è possibile farlo.

  6. Quanto vorrei che alcune cose che hai visto e riportato fossero solo battute…. che gente ragazzi:/

    Quanto a me: non mi sono mai posto il problema del mio corpo dopo… certo che una bara di dimensioni adeguate sarebbe inquietante… mah, ci penserò prima o poi😉
    Intanto sono uno dei pochi che si porta ancora in tasca il foglio con l’autorizzazione alla donazione degli organi.

  7. @Aries: purtroppo non sono tutte battute ma cose viste e sentite davvero:-/ Anch’io ce l’ho il foglio di autorizzazione per la donazione degli organi. Ma c’è un limite di età ? Non mi ricordo.

  8. @Cris: sì, avevo capito che purtroppo era così:/
    Riguardo il foglio: da quel che so addirittura adesso non servirebbe, perché si procede alla donazione salvo esplicito diniego… comunque non penso ci sia limite d’età a priori, ma suppongo si decida caso per caso anche in base agli organi.

  9. sottoscrivo tutto, anch’io sono una fautrice della cremazione e come dice ancatdubh sullo stesso tema, desidero che si spenda il meno possibile.. e se non si rispetteranno le mie volontà  che peste li colga :p

  10. Questo me l’ero perso.
    Sono d’accordo su tutto, anzi, se permetti me ne faccio una copia e me lo porto appresso nel portafogli (magari nel foglietto piegato ci metto pure i 150 euro, non si sa mai)😉

  11. io ho preparato un foglio, chi mi vuole bene sa della sua esistenza, dove chiedo una pratica che trovo molto bella…chissà  se si può fare in Italia: prima si esporta tutto l’esportabile, che ci faccio degli organi buoni se a me non servono più? (sperando di essere tanto vecchia da non avere più nulla di epsortabile ^^;). Poi una bara di cartone biodegradabile, una fossa e sopra un albero. Avrebbe un senso: potrei fiorire, diventare casa per gli uccellini, bagno per i cagnolini, grattaunghie per i gattini, letto verticale per amanti improvvisati………
    Lo so, ho una visione profondamente idealistica della vita…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...