Mini gita all’Isola del Giglio

Giglio Porto

E' passata più di una settimana da questa gita ma sono stata  “leggermente” impegnata e non ho proprio avuto il tempo materiale di aggiornare il blog. Infatti ho altri due posts in preparazione che spero di riuscire a pubblicare al più presto. Adesso vi racconto la nostra escursione:

Il 17 aprile è stato un giorno perfetto: Lunedì, la folla del weekend se n’è andata via, il sole splende, la temperatura è ideale ma soprattutto, il mare è così piatto che luccica come una lastra di ghiaccio. MisterPop è libero da impegni, incredibile ma vero! 😉 Questa è un’occasione più unica che rara per decidere di far un salto all’Isola del Giglio.Arriviamo a Porto Santo Stefano giusto per l’ora di pranzo e optiamo per il ristorante situato sul porto “Da Virgilio”. L’ultima volta che avevamo visitato l’Argentario avevamo portato i miei genitori a mangiare il pesce proprio in quel locale. Questa volta, essendo lunedì la scelta di pesce fresco non è stata così ampia come allora, ma abbiamo comunque mangiato benissimo. Mi sono piaciuti in modo particolare gli spaghetti alle vongole veraci con la loro deliziosa cremina, che difficilmente riesco a riprodurre a casa.

Ogni ora parte un traghetto per l’isola, ma abbiamo fatto l’errore di non controllare attentamente gli orari e così, abbiamo perso quello delle 15:00 per un soffio. Non ci rimaneva altro da fare che gironzolare sul porto in attesa del traghetto successivo. Ne ho approfitttato per fare un po’ di fotografie.

Questa leggerezza nel programmare le cose ci è costata molto: Infatti l’ultimo traghetto parte dal Giglio alle 17:30. Significava che avevamo solo mezz’ora di tempo a disposizione. Io, che ho sempre contestato i cosiddetti “turisti della Concordia”, mi sono ritrovata nelle stesse condizioni,  se non peggio:  Non avendo nessun margine prima del viaggio di ritorno dovevamo anche sbrigarci se non volevamo rimanere a piedi,   ma ormai era fatta e dovevamo adattarci.

Dopo un’ora di attraversata, scorgiamo da lontano la sagoma della nave da crociera. Gigantesca, impressionante! Il pensiero vola verso le 32 vittime di quella tragica notte del 13 gennaio 2012. Vedendo la nave così vicina alla costa, quasi appoggiata agli scogli viene da pensare che, forse, se questa manovra di avvicinamento di emergenza è opera volontaria e consapevole del comandante Schettino, potrebbe aver salvato molte vite. Se la Concordia si fosse spostata al largo sarebbe stata una strage ancora peggiore. Ma fino a quando non si sarà concluso il processo attualmente in corso a Grosseto, è meglio evitare di esprimere giudizi.

Proprio il 17 aprile, si sono svolte con successo le operazioni necessarie al posizionamento del primo degli sponsons (grossi cassoni da riempire d’acqua) che poggiano sul lato esterno del relitto che serviranno nella fase di rotazione e rigalleggiamento. Intanto, se volete seguire lo stato di avanzamento delle operazioni e sapere tutto sul progetto di rimozione del relitto, visitate questo portale informativo. Ecco un breve filmato dal traghetto in fase si avvicinamento:

I lavori intorno alla Concordia

Al momento di attraccare a Giglio Porto sono stata sopraffatta dall’emozione e dalla bellezza di questo luogo. Mi era già successo più di 20 anni fa. Troppa bellezza!

“Non sarò mica soggetta alla variante naturalistica della sindrome di Stendhal?”

Invece di filmare ho preferito riempirmi gli occhi. E’ solo che al Giglio non si arriva in un porto normale, con le banchine ripide e l’acqua scura e sporca. Qui si ha davvero la sensazione di arrivare dolcemente sulla spiaggia sabbiosa di un isoletta dei Caraibi, in un acqua cristallina. Semplicemente meraviglioso! Ho ritrovato esattamente la stessa bellezza di allora e non sono riuscita a trattenere le lacrime.

Abbiamo superato la spiaggetta circondata dalle palme dell‘Hotel Demo’s, e ci siamo avvicinati il più possibile, fino alla punta là dietro, per poter osservare al meglio le operazioni di stabilizzazione che vanno avanti senza sosta. Su Google Maps, si ha un’idea abbastanza precisa della situazione. Qui, trovate l’articolo che ho postato quasi un anno fa con altri links e informazioni interessanti.

Per finire, vi offro qualche fotografia e un breve filmato in cui si vede tutta la bellezza del porto. E’ stata una giornata magnifica, l’isola del Giglio è un vero paradiso.

*** Non vedo l’ora di tornarci! ***

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...