Consumo

Ferro da stiroPer stirare 10 camicie mi ci è voluto quasi un litro di acqua distillata. Il mio macinino Toyota consuma meno. Ma è anche vero che col ferro da stiro andrei poco lontano. Non fate troppo caso alla demenza di questo post, non sono abituata a passare un’ora e mezza filata dietro l’asse da stiro e sono alquanto fusa.

Sgrunt!!

Spazzola
Io che non ho possiedo quell’ambito elettrodomestico che alcune mie amiche mi descrivono addirittura come irrinunciabile, non nego di essermi sentita presa in giro e quasi umiliata quando ho letto l’etichetta attaccata alla spazzolina per lavare i piatti che avevo appena messa nel carrello della spesa. "LAVASTOVIGLIE"!!  

Il boiler

ScaldabagnoDopo ben 4 anni di onorato servizio, lo scaldabagno ha pensato bene di richiamare la nostra attenzione, facendo scattare il salvavita. Nel corso degli anni, i suoi predecessori hanno sempre resistito al massimo due anni a causa della durezza fuori del comune della nostra acqua, quindi possiamo ritenerci soddisfatti. Ormai conosciamo la causa del problema, la resistenza è andata in corto; "basta" sostituirla per allungare la vita del nostro boiler, costa pochi euro, che ci vuole. "Non vorrai mica cambiare tutto il boiler per una sciocchezza del genere!" Cosi Marcello ha deciso di mettersi al lavoro arrampicandosi su una sedia. Il problema principale è togliere più calcare possibile dall’aggeggio prima di infilarci la resistenza nuova, se no a che serve!?
L’esperienza insegna che gli attrezzi di lavoro più efficaci sono:

  • Tubo di gomma per incanalare l’acqua dal boiler alla doccia.
  • Forchettone da cucina per spezzare i macigni più grossi per poterli far passare dall’unica via di uscita: un buco di 4,5 cm di diametro.
  • Gruccia di metallo piegata ad arte per grattare le pareti con delicatezza ma anche con forza.
  • Una forchetta e un cucchiaino per le rifiniture.
  • Un vecchio spazzolino da denti per pulire a modino la filettatura dell’alloggiamento della resistenza.)
  • 2 birre (dosa minima consigliata per la durata completa dell’operazione)

Abbiamo anche trovato il modo di usare la mini lampadina ricevuta in omaggio in occasione del nostro passaggio al Tunnel del Monte Bianco 2 anni fa. 
Dopo 4 ore di lotta, Marcello è sfinito. Sarebbe da immergere in una vasca di Viakal, ma ha estratto ben 15 kg di detriti, sassi, massi, pietrisco, calcinacci…vattelapesca cos’era…mai visto niente di simile!!! Per uno scaldabagnino da 30 litri, non c’è male vero?

Ah… dimenticavo: Funziona!!!!

Marcello sta diventando un perfetto "bricoleur" !

Sono tornata

ADSL
Purtroppo non ho perso i due chili di cui vorrei liberarmi ma il tornare "in linea" è comunque una bellissima cosa: da diversi mesi la nostra connessione internet faceva le bizze. In contraddizione con la mia reputazione di quella che vuole  "tutto e subito", ho pazientato prima di dare la colpa alla Telecom, arrivando anche al punto di pensare che dipendesse dal computer e dei suoi ospiti virali indesiderati. Poi in effetti da febbraio avevo anche altro "per la testa"
Alla fine, abbiamo chiamato aiuto e il tecnico dopo varie prove ha appurato che c’erano contatti in centrale. Adesso è tutto a posto e possiamo finalmente navigarecome ci pare, senza dover usare la connessione UMTS di riserva che ci costava un occhio della testa.
La mia battaglia contro i virus dovbrebbe essere a buon punto: ieri ho disattivato il sistema si ripristino automatico di XP che permetteva ai virus/worms/trojans di sopravvivere e tornare ad infestare il sistema, e sono riuscita a fare una scansione on line. Vediamo se piano piano, riesco a vincerla io questa guerra.

Cominciamo bene!

BombolaQuesta è nuova! Non sapevo che anche le bombole di gas potessero essere difettose. Eppure mi è capitato proprio la sera del 31 dicembre (che culo! Meno male che avevamo una stufetta elettrica di emergenza). Dopo aver cambiato la bombola alla stufa catalitica non c’è stato verso di farla ripartire. Smontato tutto, portato l’aggeggio all’Omino del Gas per un controllo. Dopo averla visitata, collegata ad un’altra bombola e accesa, il cosidetto Sig.Ominodelgas mi fa notare che funziona benissimo. La maledetta ce l’aveva con me e cercava di farmi fare la figura della cretina che non sa farla funzionare, ma quando sono tornata a casa e l’ho rimontata, riecco di nuovo che fa le bizze.  Ho quindi intuito che il problema veniva dalla bombola, non capisco come possa essere possibile ma è bastato sostituirla con una nuova perchè il dolce tepore tornasse ad invadere l’appartamento. Ho riportato la bombola rossa e ne ho preteso una celeste.
Si sa: Il rosso è il colore delle mutande della notte di San Silvestro, e quindi non la voglio più vedere, almeno fino all’anno prossimo!

Système D

LavatriceL’ha rifatto di nuovo! La serpentina della lavatrice è di nuovo in corto e fa saltare il salvavita. Accidenti al calcare e a tutte le particelle di sodio! E dire che l’avevamo sostituita l’anno scorso. Ci sono quattro soluzioni:

  1. La più logica: Chiamo l’idraulico (ma non trovo più il numero e poi non è cosi grave)
  2. La più semplice: Lascio la manopola della temperatura dell’acqua su 0, cosi bypasso la serpentina senza che questo influenzi il ciclo di lavaggio (ma il risultato non è eccellente)
  3. Il primo metodo d’emergenza: carico l’acqua calda direttamente nella vaschetta del detersivo con un secchio riempito nella doccia (pesa accidentato e poi devo fare due o tre viaggi e sbrodolo per terra)
  4. Il metodo d’emergenza perfezionato: applico un pezzo di tubo per annaffiare al rubinetto del lavandino e lo faccio ingoiare alla vaschetta del detersivo. In questo modo immetto  l’acqua alla temperatura (più o meno) desiderata, fino a sentire il clic del galleggiante che mi indica che il livello dell’acqua è stato raggiunto.

Sceglierò il metodo numero 4: D’altra parte, l’ho già usato per diversi mesi, l’anno scorso, quando ci fece lo stesso scherzetto. Andrò avanti un po’ cosi fino a che non mi scoccierò troppo, e passerò al sistema numero 1.

Questo in Francia si chiama "Système D" dove la D sta per "se débrouiller" o più volgarmente "se démerder"

E CHE NESSUNO MI VENGA A DIRE CHE LE DONNE NON SANNO SBRIGARSELE DA SOLE !!!




Elle m’a refait le coup! La résistance de la machine à laver fait de nouveau court circuit et me fait sauter les plombs. Tout ça à cause du calcaire. Nous l’avions pourtant changée l’an dernier. J’ai quatre solutions:

  1. La plus logique: J’appelle le plombier (mais je n’ai plus son numero sous la main et puis, au fond, ça peut attendre)
  2. La plus simple: Je laisse le bouton de la température de l’eau sur 0, de façon à ne pas faire travailler la résistance, ce qui n’a pas de conséquences sur le cycle de lavage (mais le résultat n’est pas terrible)
  3. Le premier système d’urgence: je verse l’eau chaude directement dans le compartiment de la lessive avec le seau que je remplis dans la douche (mais c’est lourd, je dois faire au moins deux voyages et ça degouline par terre)
  4. Le système d’urgence amélioré: je mets un morceau de tuyau d’arrosage entre le robinet et le compartiment de la lessive jusqu’au moment ou le clic du flotteur me fera comprendre que le niveau d’eau est atteint.

Je crois que je vais choisir la méthode numéro 4: De toute façon c’est le système que j’ai adopté pendant quelques mois l’année dernière, quand elle nous a déjà joué ce tour. Quand j’en aurai marre, je passerai au système numero 1.

C’est ce que l’on appelle système D. D comme "se débrouiller" ou plus vulgairement, "se démerder".

ET QUE PERSONNE NE VIENNE ME DIRE QUE LES FEMMES SONT PERDUES SANS LES HOMMES !!!

http://www.google.com/gn/static_files/blank.html

Roby

Roby
Non posso neanche dare la colpa al caldo perchè l’ho sempre fatto, anche d’inverno. Ebbene si, lo ammetto, parlo con Roby. Quello che non capisco però, è che Marcello mi dica "Ma che fai, parli con Roby?" quando l’altro ieri lui l’ha salutato con un bel "Ma Ciaaaaoooo!" quando è entrato in bagno, l’ho sentito con le mie orecchie.
Chi è Roby? è solo il mio robottino aspirapolvere che lavora da solo nell’appartamento, mentre io sto scrivendo questo post.



Je ne peux même pas dire que c’est à cause de la chaleur car cela m’arrive de le faire aussi en hiver. J’avoue, je parle à Roby. Ce que je ne comprends pas, au contraire, c’est que Marcello me dise "Que fais tu, tu parles à Roby?" quand avant hier il l’a salué avec un grand "Ma ciaaaaao!" quand il est entré dans la salle de bains, j’en suis absolument certaine.
Chi est Roby? Il ne s’agit que de mon petit robot aspirateur qui travaille tout seul dans l’appartement, pendant que je suis en train d’écrire ce post.