La superluna di Agosto

SuperlunaIeri la natura dava spettacolo, anzi, super spettacolo! Mediamente succede da 4 a sei volte ogni anno che la luna appaia più grande e più luminosa del solito. Per questo motivo viene definita “Superluna” e questo avviene quando la Luna piena coincide con la minore distanza tra Terra e Luna.

 “La definizione scientifica per il momento del minimo avvicinamento della luna a Terra è perigeo lunare; secondo la NASA una superluna è fino al 14% più grande e al 30% più luminosa di come appare durante la maggior parte delle volte”. (Fonte: Wikipedia)

Ottima occasione per cercare di realizzare qualche scatto interessante. Ho tirato fuori il cavalletto, ci ho fissato sopra il regalo di compleanno di Misterpop (vedi post precedente) perché lo zoom della Canon SX700HS è nettamente superiore a quello della mia compatta S95  e ho aspettato che la luna superasse l’angolo del tetto del condominio. Non avendo né il telecomando né il flessibile per lo scatto, ho impostato il timer per l’autoscatto a 10 secondi e ho sparato.

Certo non è uno scatto indimenticabile, il momento culminante del perigeo era passato da qualche ora e non c’era nessun punto interessante da inquadrare ma sono relativamente soddisfatta. Per un primo tentativo casalingo, va più che bene! La prossima volta cercherò di appostarmi in un luogo più suggestivo… magari con un treppiede un po’ più stabile! 😉

Il prossimo appuntamento con la Superluna è per l’8 settembre 2014.

Annunci

Weekly Photo Challenge: An unusual POV

Lo strano sguardo della gru incoronataQuesta foto fa già parte della pagina del mio blog dedicata agli animali, non è stata scattata espressamente per il challenge fotografico di questa settimana ma volevo proporvela di nuovo per due motivi: Il primo è che corrisponde perfettamente al tema dell’inusuale punto di vista ma soprattutto perché questa foto è una delle mie preferite: Non sarà tecnicamente perfetta, ma ha il grande pregio di farmi sorridere. Sempre! Quando ho un attimo di tristezza, basta che gli dia un’occhiata e mi torna il buon umore.

Mi auguro che faccia lo stesso effetto anche a voi 🙂

Weekly Photo Challenge: Fresh

Piccione senese

In queste calde giornate estive la sfida fotografica del Daily Post cade, come si suol dire, a fagiolo. Infatti il tema proposto da Sara Rossi è “qualcosa di fresco”

Fresh. The definition for fresh has a bit of a fork in it – it’s a state (new, recent, previously unknown) and it’s a taste or sensation (cool, sweet, invigorating, refreshing). Fresh is definitely this cantaloupe (“melone”) granita I enjoyed recently here in Italy. It cooled me down immensely (and it didn’t hurt that it was delicious, too!) 

I’m going to let the Daily Post community divide however you want with this – which definition will you go with? Show us what you got! 

In a new post specifically for this challenge, share a photo which means FRESH to you!

Vi propongo una mia vecchia foto che ritrae un piccione che si disseta in una fontana di Piazza del Campo a Siena. E’ già presente nella mia galleria fotografica dedicata agli animali ma forse non l’avevate ancora vista. Ricordo di averla scattata proprio in un caldissimo pomeriggio di Agosto.

Weekly Photo Challenge: Pattern

Cavolo romanesco

Da Wikipedia: “Pattern è un termine inglese che può essere tradotto, a seconda del contesto, con disegno, modello, schema, schema ricorrente e, in generale, può essere utilizzato per indicare una regolarità che si riscontra all’interno di un insieme di oggetti osservati”.

La sfida fotografica proposta da “The Daily Post” questa settimana, tratta proprio di questo argomento.

“Pattern. Patterns are everywhere. Patterns are sometimes intentional and sometimes accidental. They can be decorative or merely a result of repetition, and often patterns can be in the eye of the beholder to discover them.

L’ortaggio che ho fotografato qualche tempo fa rappresenta benissimo questo tema:

“Il broccolo romanesco assomiglia ad un cavolfiore, ma è verde chiaro, ha una forma piramidale e tante piccole rosette, disposte a spirale, che riproducono la forma principale e si ripetono con regolarità. Ogni rosetta è composta da numerose rosette più piccole, rendendo la forma del broccolo romanesco simile ad un frattale. Il numero di rosette che compongono il broccolo romanesco è un numero di Fibonacci. Il broccolo romanesco è ricco di antiossidanti, vitamina C, fibre e carotenoidi.” (Fonte: Wikipedia)

Weekly Photo Challenge: From Above

GattoCarlo visto da sopraSembra quasi che stia per spiccare il volo come Superman, invece è solo una delle assurde posizioni che il mio gatto ama assumere: Sdraiato sul pavimento a pancia all’aria. Questa foto è perfetta per il challenge fotografico della settimana del Daily Post “Visto da sopra”

“From above. Change your perspective on something. Share a photo of a subject which you shot from directly above.”

Weekly Photo Challenge: “Change”

La muta della cavalletta - Prima e dopo

Il cambiamento, il passaggio da uno stato ad un altro, cambiarsi d’abito o addirittura cambiare pelle. Questo è il tema fotografico della settimana. Questa volta ho ripescato dal mio archivio una foto del 2004. Mi ricordo che quella mattina, sono rimasta appollaiata in equilibrio precario,  in cima ad uno scaleo appoggiato alla siepe per più di due ore con la digitale in mano. Volevo a tutti i costi documentare gli sforzi necessari ad una cavalletta per liberarsi del suo esoscheletro e spiegare le sue nuove ali. A sinistra, la fase iniziale: Si vede l’angolo ancora compresso e stropicciato. A destra, alcune ore più tardi, i fluidi hanno finalmente raggiunto l’estremità delle ali distendendo i tessuti, un po’ come fa la linfa nelle nervature di una foglia. A fine giornata dopo tutto questo lavoro estenuante, la locusta spiccò il volo.

Il cambiamento è sempre molto faticoso.

Weekly Photo Challenge: Lunchtime

Cozze alla marinaraUna foto che rappresenti il momento del pranzo, questo è il tema della settimana del challenge fotografico di WordPress. Non volendo fotografare il solito piatto di pasta o il tristissimo petto di pollo alla griglia, preferisco mostrarvi il mio personale metodo ergonomico di organizzazione dei gusci delle cozze alla marinara. Se vi serve la ricetta, eccola qua.

“Chissene importa, tutto tempo perso e fatica sprecata!”, penserà qualcuno.

Sarà anche vero per voi, ma per me non è così. Prima di tutto è una tradizione di famiglia. Infatti, usare uno dei gusci a mò di pinza per estrarre il mollusco e incastrare tutti gli altri l’uno nell’altro man mano, è un metodo che mi ha insegnato mio padre e ogni volta che lo faccio penso a lui. Poi è molto comodo perché i gusci ordinati non sommergono il piatto e hai più spazio per pucciare il pane nel sughetto. Un metodo perfetto! 😉

Mi è venuta l’acquolina in bocca! Buon appetito!

Weekly Photo Challenge: “Lost in the details”

Cicala

L

ost in the details, ossia perso nei dettagli. Questo è il tema del challenge fotografico della settimana che sta finendo. Non facendo in tempo per pubblicare una fotografia fatta ad hoc, vi propongo questo mio scatto dell’estate scorsa. Si vede (o meglio, si indovina) una cicala mimetizzata alla perfezione. Ho scelto questa foto perché illustra benissimo come la natura ha permesso all’insetto di perdersi nei dettagli della corteccia dell’ulivo risultando invisibile agli occhi di predatori o semplici passanti. Sono riuscita ad individuarla solo seguendo il suo frinire poderoso.

Weekly Photo Challenge: “Forward”

Il Marinaio

“In a new post specifically created for this challenge, share a picture that says FORWARD to you.”

“Forward” cioè “avanti”. Ecco la mia interpretazione fotografica: Guarda verso il mare, con uno sguardo di felice malinconia, i capelli accarezzati da una brezza leggera. È “Il Marinaio”, l’imponente opera bronzea realizzata dal maestro Giampaolo Talani. Sette metri di altezza e venti quintali di peso, la scultura è stata “scoperta” il 13 giugno 2010 per l’inaugurazione del nuovo porto turistico di San Vincenzo.

Il Marinaio guarda avanti e va verso una speranza, e questo è un periodo in cui di speranza e rinnovamento ce n’è davvero bisogno.